Disinfestazione Processionarie Varese

La processionaria è dannosa per le piante, l’uomo e gli animali domestici

nido di processionarie

Quando si parla di processionaria si intende la processionaria del pino dannosa per le stesse piante, per l’uomo e gli animali domestici.

Il suo potere fortemente urticante, è dovuto al distaccamento dei peli dell’insetto che possono essere lasciati nell’ambiente o essere semplicemente trasportati dal vento.

La processionaria è capace di defogliare alberi interi e lo spiacevole incontro con questo animale potrebbe apportare uno shock anafilattico e in casi peggiori, addirittura alla morte.

Nella stragrande maggioranza dei casi sono gli amici pelosi che subiscono l’attacco di questo insetto che possono incontrare nelle loro passeggiate all’aperto ma anche in un giardino urbano.
Inconsapevoli della pericolosità della processionaria, potrebbero entrare in contatto con i peli urticanti che provocano una forte e dolorosa eruzione cutanea con un prurito inteso.
Inoltre, se i peli vengono inalati, c’è il rischio di broncospasmi e di difficoltà nella respirazione e nella deglutizione.

Nei casi di ingestione, si infiammano le intere mucose della bocca con forti crampi addominali.
Se si notano le processioni di questo insetto, che si muovono in fila sul terreno e sugli alberi, conviene far intervenire nell’immediato una valida ditta disinfestazione processionarie Varese.

Le zone a rischio ed il periodo di intervento

Le zone dove si corre maggior rischio di infestazione della processionaria sono quei giardini dove c’è la presenza di pini e di querce.

L’infestazione si evince dal fatto che tra uno o più rami si notano dei filamenti biancastri.
Il periodo in cui la processionaria fa la sua comparsa è tra Giugno e Settembre e questi sono i periodi esatti per avvalersi di una ditta disinfestazione processionaria Varese.

Tuttavia, gli operatori vanno interpellati anche in pieno inverno e precisamente nei mesi di Dicembre, Gennaio e Febbraio perché sono i mesi in cui si potranno raccogliere i nidi dell’insetto.

Questa operazione è molto delicata e richiede uno staff estremamente preparato perché si corre il rischio che gli stessi operatori possano essere colpiti dal pelo urticante dell’animale, durante la raccolta dei nidi.
Alla fine dell’estate, i tecnici della ditta disinfestazione processionaria Varese effettueranno un trattamento accurato di prevenzione partendo dalla cime degli alberi per debellare le larve di prima e seconda età.

Quali sono i prodotti che si utilizzano

Le migliori ditte disinfestazione processionaria Varese utilizzano prodotti biologici per decimare la processionaria ad ogni suo stadio.

L’nsetticita contiene il ‘Bacillus thuringiensis‘ che una volta usato, colpisce la larva che si paralizza perché vengono danneggiati i centri nervosi del parassita.

nido su un pino di thaumetopoea-pityocampa

Il prodotto non risulta dannoso per la zona poiché viene erogato in modo mirato con degli atomizzatori o nei casi più gravi, per via aerea.

Oltre questa metodica, esiste anche la possibilità di posizionare delle trappole ai feromoni che equivalgono alla sostanza che rilascia la femmina di processionaria per attirare i maschi.
Le trappole ai feromoni confondono le falene maschio ed evitano la fecondazione inoltre, non sono dannose per l’ambiente, l’uomo e gli animali.

Un nuovo sistema sta prendendo piede tra le tecniche utilizzate dalla ditta disinfestazione Varese cioè quello delle trappole meccaniche che essendo provviste di colla, permettono che la processione dei parassiti rimanga intrappolata nel prodotto.
Come ultima metodica di trattamento c’è l’endoterapia ossia un trattamento fitosanitario che avviene direttamente all’interno del sistema vascolare della pianta, che viene protetta per tutta la stagione.